RICCARDO III IN SCENA ALL'ACCADEMIA

on Tuesday, 27 October 2015 15:42

Giovedì 29 ottobre - ore 21 – ingresso libero aperto al pubblico - Teatro del Legame e Biennio specialistico di Scenografia - info e prenotazioni tel. 388/3754873

Giovedì 29 ottobre l'Aula Ghiberti dell'Accademia di Belle Arti di Firenze si trasforma in teatro e apre le porte a "Riccardo III – il potere ha un linguaggio" di William Shakespeare.

Lo spettacolo (ore 21, ingresso libero fino ad esaurimento posti, aperto al pubblico, prenotazioni 388/3754873) nasce dalla sinergia tra la compagnia del Teatro del Legame diretta da Daniele Lamuraglia, che nell'occasione cura la regia, e il Biennio specialistico di Scenografia, con la supervisione dei docenti Angela Nocentini e Massimo Mattioli.

Nel panorama dei celebri personaggi shakespeariani, "Riccardo III" occupa una posizione privilegiata per quanto attiene ad una tematica di stringente attualità: le strategie seduttive del linguaggio.

Come molte altre opere di Shakespeare anche questa è incentrata sui meccanismi del Potere, analizzati nella doppia dimensione politica e psicologica. Ma ciò che rende specifico e unico "Riccardo III" è il fatto che a guidare il forsennato ingranaggio messo in piedi dal protagonista, non sia un obbiettivo finale come la conquista della corona inglese, ma sia piuttosto una sfida mortale che egli lancia al mondo, alla sua conflittuale logica dell'essere/apparire, al gioco irrefrenabile dell'ipocrisia che lo segna. A questo gran teatro del mondo egli non si oppone, come Amleto che vorrebbe smascherarlo, o come Macbeth che vorrebbe conquistarlo: Riccardo vuole portarlo alle sue estreme conseguenze, vuole essere l'acceleratore di una macchina senza precisa destinazione, vuol essere il genio inarrivabile fra gli attori di uno spettacolo senza conclusioni.

Il suo sigillo s'imprime dunque sul piano della strategia seduttiva, declinata nelle due configurazioni del privato e del pubblico, che si avvolgono magistralmente l'una nell'altra: nella prima, che rivolge al sesso femminile, crea i più raffinati codici del corteggiamento; nella seconda, che rivolge al sesso maschile, inventa le più ingegnose formule della comunicazione.
L'articolarsi di questi due codici è tanto più illuminante oggi, nel momento in cui i desideri della società di massa sono costantemente stimolati e indotti dalle tattiche della comunicazione televisiva e virtuale, sovrapponendo sempre più intensamente la lingua dell'eros con quella della polis.

Ecco quindi Riccardo nostro contemporaneo nella sua scalata irreversibile al potere, attraversare e dominare con straordinaria abilità ogni format tv, fino a rendere naturale con i suoi estremi e geniali artifici linguistici, l'identificazione della sua visione politica con la sua tele-visione, i sogni dei suoi cittadini coi molteplici programmi di una rete sempre più unificante di desideri e aspettative - di vita, e di morte-, per un mostruoso pubblico che infine non può chiedere altro show che quello del sacrificio rituale del proprio Re.

I costumi, le scene, le musiche, i video di scena, evocheranno questo presente sempre futuribile e ancora tutto da scoprire, o da dissimulare.

In scena: Gianni Calastri – Riccardo; Andrea Matteuzzi – Buckingham; Francesca Uguzzoni – Elisabetta; Silvia Uguzzoni - Lady Anna; Angela Carlisi - Regina Margherita; Martina Mirabella - Duchessa Madre; Alessandro Bellucci – Clarence; Maurizio Pollastri – sicario; Arrigo Carcaterra – Tyrrel; Náyade Gutiérrez Mateos – presentatrice.

Con la collaborazione di Lucrezia Di Francesco e Apollon Avagyan; traduzione di Alessandro Serpieri; video di scena Marco Magurno; musiche e suoni Tenedle; fonica e luci Gianluca Masala e Sandro Bechelli; l'opera "Cameracavallo" è di Gian Marco Lamuraglia; assistente alla regia Francesca Uguzzoni; ripresa video Michele Barcaro; consulenza prof.ssa Giovanna Mochi Università di Siena.

Spettacolo realizzato nell'ambito del progetto SCART di Waste Recycling.

Giovedì 29 ottobre 2015 - ore 21
Aula Ghiberti - Accademia di Belle Arti di Firenze
via Ricasoli 66 - Firenze
Info e prenotazioni tel. 388/3754873