Forme del fango, in Accademia un progetto artistico trasforma il fango del '66 in arte

on Tuesday, 29 October 2019 11:01

Lunedì 4 novembre 2019, ore 17.30

Trasformare le conseguenze di un evento negativo in risorsa. Il 4 novembre, in coincidenza con il 53esimo anniversario dell'alluvione che in Toscana colpì la città di Firenze e i Comuni lungo il fiume Arno, l'Accademia di Belle Arti presenta Forme del fango, iniziativa in collaborazione con l'artista Caterina Erica Shanta, con il patrocinio di Regione Toscana, Comune di Firenze, Pav Padiglione arte vivente Torino e Dolomiti Contemporanee.

L'iniziativa nasce dal desiderio di dare nuova vita a un materiale che da più di cinquant'anni ha casa in una parte delle cantine dell'Accademia: 77 metri cubi di terra, residuo di quel fango che nella notte tra il 3 e 4 novembre 1966 tinse di paura i luoghi consacrati all'arte, alla cultura e alla vita quotidiana della città. Un materiale che, rimosso, potrebbe rivelarsi una vera e propria risorsa per l'Accademia oltre che portare al recupero di spazi da destinare ad attività espositive. Ed è questa stessa materia che, dopo essere stata sottoposta ad analisi chimiche per accertarne l'usabilità, sarà protagonista di un'iniziativa che nei mesi scorsi ha coinvolto una giovane artista emergente, Caterina Erica Shanta, e un gruppo di studenti del corso triennale di Design, coordinati dai docenti Alessandro Scilipoti e Fabrizio Lucchesi.

Forme del fango inaugurerà alle ore 17.30 con una introduzione del Presidente dell'Accademia di Belle Arti, Carlo Sisi, e del Direttore, Claudio Rocca. Seguirà la presentazione della mostra La Tempesta, a cura dell'artista Caterina Erica Shanta, e della temporanea Oggetti di memoria, con opere realizzate a partire dal materiale residuo dell'alluvione del 1966. 

Media