Scenografia            

[eng]

Prof. Recchia Anna Maria

Crediti formativi (ECTS Credits): 12 

Livello (Level): Triennio (Bachelor)

Corso di riferimento (Departments): Scenografia (Set Design)

Anno Accademico (Academic Year): A.A. 2013-2014 

Tipologia disciplina (Course Type): Laboratoriale (Laboratory)

 

OBIETTIVI FORMATIVI (COURSE OBJECTIVES):

Gli obiettivi formativi, i contenuti e le tematiche, sono condivisi con la cattedra del Prof. Mattioli Massimo. La Scuola di Scenografia conferma le linee d’intervento definite nei precedenti anni, dando ampio spazio alla fase di realizzazione e di rappresentazione/installazione dei progetti, siano stati questi di carattere teatrale o puramente artistico. Per i primi, la necessità di spazi o di contesti idonei alla rappresentazione davanti ad un pubblico, ha spinto la Scuola a rafforzare i rapporti con i principali teatri del territorio, senza però limitarsi alla sola città o alla provincia.Così, oltre alla Fondazione del Maggio Musicale Fiorentino e MaggioFormazione, del Teatro della Pergola, del Teatro Studio di Scandicci, del Teatro Moderno di Tavarnuzze e della Scuola di Musica di Fiesole, sono stati tessuti rapporti con il Comune di Certaldo (FI) per il Festival “Mercantia” e con il Comune di Campiglia M.ma (LI) per l’ospitalità nella terrazza panoramica dell’Asilo del Mancino, “ABC Festival Apritiborgo”. Ciascuna di queste esperienze rafforza la caratteristica “progettuale” e “corale” che caratterizza l’Area di Progettazione a cui Scenografia appartiene, dove i confini delle diverse professionalità convergono e si sfumano nella realizzazione e presentazione del progetto.

CONTENUTI E TEMATICHE (SUBJECT MATTER):

Il programma 2013/14 continua e sviluppa il tema proposto nell’anno 2012/13 incentrato, per le tre annualità, sulla progettazione di scenografie che abbiano come “protagonista” la città. La città è presente sia in spettacoli teatrali, in sceneggiature cinematografiche, in racconti e romanzi. Gli studenti sono invitati ad effettuare un lavoro di ricerca a largo raggio, che necessariamente dovrà coinvolgere altre discipline presenti nel piano di studi della Scuola, prima fra tutte “Storia della Scenografia”, che ne rappresenta il punto di partenza.

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA (CLASS FORMAT):

Lezioni teoriche, Applicazioni pratiche, Progetti laboratoriali/Stage (Theoretical Lessons, Practical Aplication,Workshop)

MODALITA' DELLA DIDATTICA/ORGANIZZAZIONE DEL CORSO (TEACHING METHODS / COURSE ORGANIZATION):

1°/2°/3° ANNO : Presentazione del progetto “La città e la scena” e delle proposte didattiche sulle quali verrà incentrato il lavoro.
1° ANNO Primo semestre: introduzione al progetto e documentazione. Secondo semestre: la città e la commedia a Roma e a Firenze. (Commedia dell’arte e rinascimento)
2° ANNO: Primo semestre e secondo semestre: La città sul mare nel teatro musicale.
3°ANNO: Primo semestre: Progettazione della città/trappola: Testi di Brecth, Ionesco, Calvino ed altri autori contemporanei.
Secondo semestre: Realizzazione e messa in scena di uno o più progetti proposti.

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE (FINAL EVALUATION):

La prova di accertamento finale si incentra sulla presentazione degli elaborati realizzati durante l’anno e di un colloquio che ne motivi scelte e interpretazioni.Sono previste due o più revisioni durante il percorso didattico. La presenza alle lezioni è obbligatoria.

BIBLIOGRAFIA (BIBLIOGRAPHY):

 

STUDENTI INTERNAZIONALI (INTERNATIONAL STUDENTS): 

Course Objectives
The subjective matter and the course objectives of this course are shared with the chair of Set Design, Professor Massimo Mattioli. The department of Set Design is integrated into the Tuscan territory through its rapport with various local institutions for which it has designed sets for performances. These opportunities offer practical experience to students and reinforce the idea of “group work”.
Subject Matter
“The City” has been the theme of the past three years; a theme that is present in many theatrical productions, cinematographic screenplays, stories and novels. Students are encouraged to undertake a research project that includes other courses such as the “The History of Set Design” as a starting point. Class Format Theoretical lessons / practical applications / studio work / workshops.
Teaching Methods / Course Organization
1st / 2nd / 3rd year – Class project: “The City and the Scene”
1st year – “La Commedia” in Rome and Florence (The Renaissance and Commedia dell’arte)
2nd year – The Coastal City in Musical Theatre
3rd year – The City / Trap – texts by Brecht, Ionesco, Calvino and other contemporary authors.