Storia dell'Arte Contemporanea I            

[eng]

Prof. Corradini Franca

Crediti formativi (ECTS Credits): 6

Livello (Level): Triennio (Bachelor)

Corso di riferimento (Departments): Pittura (Painting)

Anno Accademico (Academic Year): A.A. 2015-2016

Tipologia disciplina (Course Type): Teorica (Theoretical)

 

OBIETTIVI FORMATIVI (COURSE OBJECTIVES):

(Per gli iscritti al corso di Pittura triennio che frequentano per la prima volta la materia). Obbiettivo del corso é quello di offrire allo studente gli strumenti critici attraverso i quali comprendere il mancato interesse per l'arte “al femminile” da parte della storiografia fino agli anni '70 del '900.
 

CONTENUTI E TEMATICHE (SUBJECT MATTER):

“Chi disse donna, disse arte” è il titolo del corso di quest'anno che, parafrasando e capovolgendo il senso di un noto proverbio troppo maschilista, vuole documentare la crescita della presenza femminile nell'arte, a partire dalla metà dell'800. Il corso prenderà le mosse dal titolo del saggio di Linda Nochlin, pubblicato in Italia nel 1977 ”Perché non vi sono donne artiste”, e analizzerà i modi in cui la donna ,nel corso dei secoli, ma in particolare nell’ ‘800, si è potuta avvicinare al linguaggio dell’arte,tenendo conto che la prima accademia che di fatto aprì le porte alle donne fu l’Accademie Julian, una scuola privata parigina. Partendo dalla folta pattuglia delle pittrici preraffaellite (poco conosciute e poco studiate almeno in Italia, ma brave quanto i loro confratelli), approfondiremo le artiste (Eva Gonzales, Berthe Morisot, Mary Cassat) che condividono la poetica figurativa degli impressionisti, spesso partecipando alle mostre del gruppo, e approderà infine alle artiste che hanno contribuito alla nascita delle avanguardie del '900, concludendo con l’opera di Frida Kalho, simbolo conclamato dell’arte al femminile.
 

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA (CLASS FORMAT):

Lezioni teoriche (Theoretical Lessons)
 

MODALITA' DELLA DIDATTICA/ORGANIZZAZIONE DEL CORSO (TEACHING METHODS / COURSE ORGANIZATION):

Il corso si svolge nel primo semestre,con due lezioni settimanali di due ore ciascuna,durante le quali,attraverso le immagini e la lettura di testi,verrà approfondito l'argomento del corso. Verranno proiettati poi alcuni film dedicati negli ultimi anni proprio alle donne artiste.
 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE (FINAL EVALUATION):

Alla fine del corso,attraverso un questionario,sarà verificata la proficua partecipazione degli allievi alle lezioni frontali. L'acquisizione dei crediti avverrà tramite il superamento di un colloquio orale.
 

BIBLIOGRAFIA (BIBLIOGRAPHY):

Testi obbligatori
-Linda Nochlin, Perché non vi sono grandi artiste?, trad. ital., in V. Gornick, e
-B. K. Moran (a cura di), La donna in una società sessista. Potere e dipendenza, Torino, Einaudi 1977.
-Enrica Ravenni, L'arte al femminile, Dall'Impressionismo all'ultimo Novecento, Roma, editori Riuniti, 1998.
-Uta Grosenick (a cura di), Le donne e l'arte nel XX e XXI secolo, Taschen, 2003.
-Martina Corgnati, Artiste. Dall'Impressionismo al nuovo millennio, Milano, Bruno Mondadori, 2004.
-Lea Vergine, L'altra metà dell'avanguardia, nuova edizione, Milano, Mazzotta, 2005.
-Maria Antonietta Trasforini, Arte a parte.Donne e artiste tra margini e centro,Milano,Angeli,2000.
-Luigi Bernardi, L'altro sguardo: le donne che fanno arte, Catalogo, 2007.
Ulteriori indicazioni bibliografiche verranno fornite durante lo svolgimento del corso.
 

STUDENTI INTERNAZIONALI (INTERNATIONAL STUDENTS):

The course objective is to provide students with the critical tools for comprehending the historical lack of interest towards women's art up until the 1970's. The course will begin with a consideration of the title of Linda Nochlin's essay 'Why Have There Been No Great Women Artists?' in order to analyze the ways in which women were able to get closer to the language of art starting from the 19th century when a private Paris academy allowed women to attend. The journey will begin with the first women impressionists, whose talent was recognized by fellow male colleagues, and will conclude with Frida Kahlo, the woman artist icon.