Anatomia artistica            

Prof. Andreani Giuseppe

Crediti formativi: 8 

Orario delle lezioni:  

Livello: Triennio 

Corso di riferimento: Pittura 

Anno Accademico: A.A 2011-2012 

Tipologia disciplina: Teorico-pratica 

 

OBIETTIVI FORMATIVI:

La disciplina mira:
a) a fornire le cognizioni fondamentali delle strutture del corpo umano in quanto al contempo soggetto dell'arte e della ricerca scientifica e culturale, con particolare attenzione alla morfologia come metodo fondamentale d'indagine applicata all'anatomia, in un percorso che dai principi dell'osservazione si traduca nella rappresentazione quale strumento della conoscenza visiva (I annualità);
b) acquisire modelli e criteri della rappresentazione del corpo umano nella storia dell'iconografia artistica (I annualità);
c) analizzare e inquadrare il corpo umano nella sua funzione di linguaggio espressivo, anche attraverso l'esame delle opere d'arte figurativa del passato e del contemporaneo (I e II annualità);
d) elaborare, attraverso il disegno e gli altri strumenti grafici, fotografici e mediali, immagini della figurazione del corpo umano funzionali alla formazione creativa dell'allievo anche tramite progetti didattici individuali (II annualità).

CONTENUTI E TEMATICHE:

Tema del corso: MORFOLOGIA E FENOMENOLOGIA DEL CORPO
Moduli 1/2: ELEMENTI DI ANATOMIA DESCRITTIVA: strutture e apparati del corpo umano (solo I annualità); PRINCIPI DI MORFOLOGIA DEL CORPO UMANO: dall'osservazione alla rappresentazione; QUESTIONI DI MORFOLOGIA NELLA RAPPRESENTAZIONE DEL CORPO: esempi in Michelangelo e Rubens; Il contributo di P. Richer all'Ecole de Beaux-Arts di Parigi (solo II annualità);
Moduli 3/4: IL CORPO OGGETTO D'ARTE: canoni e modelli nella rappresentazione del corpo;
Moduli 5/6: IL LINGUAGGIO DEL CORPO: emozioni, dinamica e gestualità;
Moduli 7/8: ASPETTI FONDAMENTALI DELLA FENOMENOLOGIA DEL CORPO: morfologia della donna e analisi del femminile; fenomenologia del dolore (solo II annualità).
Per la II annualità le tematiche vengono sviluppate secondo livelli specifici di approfondimento.
E' PARTE INTEGRANTE DEL CORSO LA VISITA AD ALMENO 2 ESPOSIZIONI O   MUSEI E CENTRI D'ARTE DI PARTICOLARE INTERESSE PER LE TEMATICHE AFFRONTATE.

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA:

Lezioni teoriche, Progetti laboratoriali/Stage
 

MODALITA' DELLA DIDATTICA/ORGANIZZAZIONE DEL CORSO:

L'insegnamento è organizzato sotto forma di laboratorio comprensivo di lezioni teoriche ed esercitazioni didattiche.Il corso ha durata semestrale.Ogni modulo doppio è costituito da n. 18 ore di lezione + 12 ore di attività laboratoriale [le rimanenti 20 ore restano a disposizione dell'allievo per lo studio e la preparazione degli elaborati].
 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE:

Revisioni intermedie: al termine di ogni modulo si svolge una revisione obbligatoria volta ad accertare il raggungimento degli obiettivi formativi corrispondenti.
La verifica finale è costituita da un colloquio sugli argomenti del corso e sugli elaborati prodotti

BIBLIOGRAFIA:

- Sobotta/Bercher, Atlante di anatomia dell'uomo, USES, Firenze, 1974, vol. I [limitatamente agli argomenti trattati] (solo I annualità);
- P. Richer, Fisiologia artistica dell'uomo in movimento, Doin, Parigi, 1895 [nella traduzione e rielaborazione di G. Andreani, 2011] (solo II annualità);
- U. Galimberti, Il corpo, Feltrinelli, Milano, 1983 [cap. I-II-III];
- G. Andreani, Morfologia e fenomenologia del corpo, 2011/12 [dispense in corso di preparazione, distinte per I e II annualità].