Storia del Costume            

Prof. Carmignani Marina

Crediti formativi: 6 

Orario delle lezioni:  

Livello: Triennio 

Corso di riferimento: Scenografia 

Anno Accademico: A.A 2012-2013 

Tipologia disciplina: Teorica 

 

OBIETTIVI FORMATIVI:

Il corso intende offrire allo studente una conoscenza di base sulle trasformazioni del gusto dei periodi presi in esame, attraverso i necessari riferimenti ai linguaggi artistici contemporanei, all'interno dei quali la storia del costume rappresenta una specificità . L’ampio ambito cronologico permette una riflessione si mutamenti sttrutturali e culturali della società occidentale degli ultimi secoli

CONTENUTI E TEMATICHE:

Il corso di Storia del Costume per l’Anno Accademico 2012-2013 ha lo scopo di organizzare una sintesi della storia vestimentaria e delle sue mode nel quadro di due secoli estremamente importanti per l’età moderna quali il Settecento e l’Ottocento . Come tutte le storie che riguardano la cultura materiale anche questa è una storia di oggetti dunque essi saranno analizzati per quello che riguarda la realizzazione, i materiali, i sistemi con i quali sono stati comunicati e venduti. Tuttavia è proprio il loro essere oggetti che rende affascinante il percorso di ricongiungimento ai valori di un’epoca , verificabili attraverso le connessioni con il linguaggio artistico e la storia delle idee che disegnano quel particolare momento storico.
Il corso intende iniziare dal XVIII secolo quando le corti sono i centri di potere anche culturale da cui discendono le indicazioni per la prodzione artistica e dove è ben visibile lo stretto rapporto tra la concezione degli abiti maschili e femminili e la cultura visiva contemporanea.
Nel corso di tutto il Settecento i cambiamenti delle mode riflettono puntualente i complessi mutamenti politici, socio- economici e culturali che definiscono una realtà in movimento e ricca di molteplici influenze. Fino a giungere nel secolo XIX alla affermazione della centralità della borghesia e con essa alla negazione del ruolo direttivo della corte in campo culturale . Il nuovo secolo introduce altri modi di produzione e di diffusione ma soprattutto segna uno stacco dal mondo dell’Ancient Regime , proponendo codici vestimentari corrispondenti ai nuovi ideali di vita, ad un modello etico , a principi e gusti che le erano propri. E soprattutto introduce la novità più significativa della produzione vestimentaria , l’invenzione della professione del cratore di mode , cui viene delegato il compito di ideare e proporre tendenze, forme e modelli estetici di riferimento. C.F.Worth inizia la storia della Haute Couture e apre la strada ai grandi creatori di moda che hanno segnato i mutamenti dei nostri tempi.

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA:

MODALITA' DELLA DIDATTICA/ORGANIZZAZIONE DEL CORSO:

Il corso sarà svolto nel PRIMO SEMESTRE dell'Anno Accademico 2012-2013 tramite lezioni frontali tenute nei giorni di LUNEDI ore 16.30-18,30 e MERCOLEDI’ ore 17 -19 nell’aula del Teatro e lezioni saranno illustrate da materiale iconografico , messo poi a disposizione degli studenti per l'esame finale.  

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE:

BIBLIOGRAFIA:

Durante lo svolgimento del corso saranno fornite le indicazione bibliografiche relative ai singoli argomenti trattati oltre ai manuali di riferimento qui indicati:

F.Boucher,Histoire du Costume en Occident De l’Antiquitè a nos Jours, Flammarion, Paris, 1983
E.Morini, Storia della moda , XVIII-XX secolo,Skira, Milano,2000
C.Giorgetti, Manuale di Storia del Costume e della Moda, Cantini, Firenze,.2002