"Il mondo alla rovescia" con scene e abiti realizzati dagli studenti

In scena 14, 15 e 16 luglio a Montepulciano per il 42° Cantiere Internazionale d'Arte

IL MONDO ALLA ROVESCIA locandina

Debutta venerdì 14 luglio alle 21.30 sul palcoscenico al Teatro Poliziano di Montepulciano (via del Teatro 4) Il mondo alla rovescia, opera buffa di Antonio Salieri, che inaugura il 42° Cantiere Internazionale d'Arte, con abiti e scene realizzati dagli studenti di Scenografia coordinati dai docenti Massimo Mattioli e Cristina Giorgetti. L'evento, anticipato alle 20.30 da un aperitivo di presentazione nel foyer, sarĂ  in replica sabato 15 alla stessa ora e domenica 16 alle 18.00 (ingresso: da 12€ a 25€). Previste riduzioni per gli studenti dell'Accademia.

Opera tanto visionaria quanto rara da ammirare in teatro, "Il mondo alla rovescia" si sviluppa intorno a una vicenda d'ispirazione goldoniana: un gruppo di donne, stanche della loro posizione subalterna, fuggono dall'Europa e si rifugiano su un'isola sconosciuta dove finalmente riescono a rovesciare i ruoli. Loro comandano e fanno vite da dongiovanni, mentre gli uomini si accontentano delle piccole gioie domestiche. Le cose però si complicano quando in questo piccolo microcosmo si introducono due prigionieri europei, il Conte e la Marchesa, che porteranno scompiglio a non finire.

Un'opera settecentesca eppure attualissima, quella di Salieri, che la regista Matelda Cappelletti ha voluto in un nuovo allestimento appositamente commissionato per indagare le convenzioni di genere e i rapporti di forza tra uomo e donna. "Ecco un'opera che una regista donna non può non desiderare di mettere in scena – racconta Matelda Cappelletti, e continua – Un'isola utopica, le donne comandano, seducono, scelgono e necessario combattono per difendere le loro conquiste. Gli uomini cuciono, confezionano cappellini occhi bassi pudichi e sospirano. Ma cosa succede se due esemplari di maschio e femmina europei sbarcano in questo mondo alla rovescia? Lieto fine con divertimento garantito!". L'esecuzione musicale dell'opera è a cura dell'Orchestra Poliziana e della Corale Poliziana, guidate dal Maestro Roland Böer. Accanto alla collaborazione con l'Accademia il Cantiere ha convolto anche altre due realtĂ  dell'alta formazione artistica: l'Istituto di Musica "Henze" e il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze.

Per informazioni: www.fondazionecantiere.it

Letto 190 volte