Speroni Franco

 Prof. Franco Speroni 

 

e-mail: f.speroni@accademia.firenze.it 

qualifica: Docente di I fascia

 

corsi 2015-2016:

 

corsi 2015-2016:

 

corsi 2014-2015:

 

corsi 2013-2014:

 

 

corsi 2012-2013:

 

corsi 2011-2012:

 

PROFILO BIOGRAFICO

Laurea e perfezionamento in Storia dell'arte presso l'Università "La Sapienza" di Roma. Dal 1987 al 1989 collabora al progetto di catalogazione informatica dell'Istituto Nazionale per la Grafica. Dal 1989 ad oggi docente di Storia dell'arte presso le Accademie di belle arti di Bologna, L'Aquila, Macerata e Firenze. Nell'a.a. 1999-2000 è docente a contratto di Storia dell'arte contemporanea presso il corso di laurea in Beni Culturali della facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi di Macerata e di Sociologia dell'arte al corso di perfezionamento postlaurea in Moda, pubblicità, design dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", corso di laurea in Scienze della Comunicazione. Nell'a.a. 2002-03 è docente a contratto di Sociologia delle comunicazioni di massa alla Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza". Presso la stessa Facoltà dall'a.a. 2003-04 all'a.a. 2010-11 è docente a contratto di Sociologia delle arti e della moda. Dall'a.a. 2003-04 all'a.a. 2005-06 è docente al Master in Ideazione, management e marketing degli eventi culturali del dipartimento di Sociologia e Comunicazione della Facoltà di Scienze della Comunicazione dell'Università di Roma "La Sapienza". Nel 2008 è docente nel Corso di ricerca e formazione sulla innovazione dei contenuti dei beni artistici e museali presso l'Università IULM di Milano, dove tiene il corso "Dal museo tradizionale al museo relazionale".
Partecipa e collabora all'ideazione e alla cura di diverse mostre e convegni tra i quali, EduEDA. The EDUcational Enciclopedia of Digital Arts. Un network per la valorizzazione e diffusione collaborativa delle arti digitali promosso dal CSL (Communication Strategies Lab) dell'Università degli studi di Firenze, con la collaborazione dell'ABA di Carrara, dell'ABA di Firenze, del Conservatorio L.Cherubini di Firenze e dell'ISIA di Firenze, 23- 24 Novembre 2012, Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci – Prato.
Da un punto di vista metodologico basa la ricerca e la didattica sulla costruzione di una Mediologia dell'arte, occupandosi di cultura visiva con particolare attenzione alle relazioni tra arte e industria culturale nelle varie forme che questo rapporto è andato acquisendo nel passaggio dalla società dello spettacolo alla rivoluzione digitale.

 

PUBBLICAZIONI

Saggi su tematiche trasversali tra arte moderna e contemporanea sulla rivista dell'Istituto di Storia dell'Arte dell'Università di Roma "La Sapienza", "Studi sul Settecento Romano", e sulla rivista dell'Accademia di Belle Arti e della Soprintendenza per i Beni Culturali di Bologna. "Accademia Clementina. Atti e memorie". Voci Arte e pubblicità e Fiere e mercati sul rapporto tra arte e consumi culturali nel Dizionario della Pubblicità (a cura di A. Abruzzese e F. Colombo), Zanichelli, Bologna 1994. Per la rivista "Carte d'arte internazionale" dal 2001 ad oggi articoli su Enzo Cucchi, Mattew Barney, la Biennale di Venezia, Alberto Garutti, Shirin Neshat, William Kentridge.
Saggi in miscellanee, tra i quali Schermi prima dello schermo. Il vedere come storia e territorializzazione delle forme, in Dal Romanzo alle reti. Soggetti e territori della narrazione moderna (a cura di A. Abruzzese e I. Pezzini), Testo&Immagine, Torino2004; La pelle e il mantello, in Manolo Farci e Simona Peterzano (a cura), Blue Lit Stage. Realtà e rappresentazione mediatica della tortura, Mimesis, Milano-Udine.2009; L'archivio post-testuale: Aby Warburg e il suo Atlante della Memoria, in Mario Pireddu e Marcello Serra ( a cura), Mediologia. Una disciplina attraverso i suoi classici, Liguori, Napoli. 2012, tradotto El archivio post-testual: Aby Warburg y su Atlas de la memoria, in Lo que queda del arte, "Revista de Occidente", n. 381, Febrero 2013.
Tra i cataloghi di mostre per gallerie private e istituzioni pubbliche,"TM. Tribù della memoria", del Master in "Ideazione, Management e Marketing degli Eventi Culturali" del dipartimento di Sociologia e Comunicazione dell'Università di Roma "La Sapienza", Galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma, catalogo Cooper editore, Roma 2005.
Con Luisa Valeriani cura il libro/catalogo della mostra "L'assenza invadente del divino", promossa dal Comune di Roma e dal Museo Nazionale di Castel Sant'Angelo, De Luca editore, Roma 2000.
Sulle problematiche inerenti la Mediologia dell'arte, in particolare i libri: Sotto il nostro sguardo. Per una lettura mediale dell'opera d'arte (costa&nolan 1995), nuova edizione ampliata (costa&nolan 2005) e La Rovina in scena. Per un'estetica della comunicazione (Meltemi 2002). Sui rapporti tra arte, politica e nuovi media L'arte politica ai tempi del web 2.0, nel libro/catalogo "visualizzAzioni" di Iginio De Luca, Livello 4 editrice, Roma 2012 e il saggio per la rivista dell'Università di San Paolo (Brasile) USP, Poesia senza Rivoluzione. Per una teoria critica dell'Arte pubblica, inverno 2013.
Tra le ultime pubblicazioni, con V. Bruni e S. Socci, la cura del libro Il disegno dopo il disegno. Le molte vite di un medium antico, Pisa University Press, Pisa 2013; con Gianfranco D'Alonzo, LOP, Rete, Mostra Libro. Quando l'arte ripensa le piattaforme della comunicazione, Gangemi, Roma, 2014. Per il "Grande Dizionario Enciclopedico", volume I Grandi temi del secolo, il saggio Mercati dell'arte, UTET, Torino, 2015; per il volume EXPO 1851 - 2015: Storie e Immagini delle Grandi Esposizioni, il saggio Le Esposizioni Universali e le Arti, UTET, Torino, 2015.