Vinciguerra Calogero Saverio

 

  Prof. Saverio Calogero Vinciguerra  

 

e-mail: pablo.bellearti@libero.it

qualifica: Docente di I fascia 

 

corsi 2015-2016:

 

corsi 2014-2015:

 

corsi 2013-2014:

 

corsi 2012-2013:

 

corsi 2011-2012:

 

PROFILO BIOGRAFICO

Calogero Saverio Vinciguerra è nato in Sicilia nel 1959. La sua formazione è avvenuta nell’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove nel 1982 si è diplomato in pittura. Da quella data inizia una intensa ricerca pittorica di chiara impronta non figurativa, collocabile nel filone dei movimenti europei d’avanguardia. Il nucleo della sua poetica risiede nella centralità assegnata alla tecnica, che non è intesa nell’accezione puramente strumentale, ma come generatrice dell’opera stessa.
A partire da una profonda conoscenza delle tecniche antiche e dei procedimenti contemporanei, manipola la materia della pittura alla maniera di un moderno alchimista, piegandola a sorprendenti esiti formali, che sono espressione diretta di un mondo interiore pervaso da una potente carica visionaria.
Tra le mostre personali si ricordano: Saverio Vinciguerra, Palazzo della Penna, Perugia (1994); Galleria Stefanini, Firenze (1997); Galleria Artower Agorà, Atene (2002); Trasmutazioni, Galleria FiesoleArte, Fiesole (2005); Tradition and Innovation, Grosvenor Museum, Chester, Inghilterra (2008). Tra le collettive: Strumenti dell’arte, Castell’Arquato (2000); Dalla matita al laser, D’Ars International, Los Angeles - New York (2000); Una storia di artisti. Culture e linguaggi a confronto, Trento (2007); Il mestiere dell’artista, Complesso Monumentale di Santa Maria in Cosmedin, Roma (2008); L’arte con noi, Museo Archeologico Nazionale, Eboli (2009); Come per gioco. Omaggio a Calder, Studio Arte Fuori Centro, Roma (2010); I Biennale Internazionale di scultura, pittura e fotografia, Complesso Museale di S. Francesco, Montone, Perugia, 2011.
Nel 2003 è stato fondatore e direttore artistico di “FiesoleArte”, un centro culturale che ha promosso importanti mostre, convegni nazionali e workshop con allievi di scuole d’arte di tutto il mondo.
In parallelo all’attività pittorica da molti anni è impegnato in studi e ricerche sulle antiche tecniche - l’affresco in particolare - e sui materiali dell’arte contemporanea.
Dal 2006, in qualità di docente di Tecniche e Metodologie dell’Affresco nell’Accademia di Belle Arti di Firenze, è impegnato nella trasmissione del «lavorare in fresco» secondo i canoni della tradizione fiorentina dal Cennini al Vasari, con l’intento di infondere una nuova linfa vitale a una tecnica erroneamente ritenuta cristallizzata e non suscettibile di evoluzione, liberandone tutte quelle potenziali risorse espressive capaci di attirarla nell’orbita dei linguaggi artistici contemporanei. Negli ultimi anni, allo scopo di colmare il divario tra teoria e prassi esistente nell’insegnamento artistico, attuando un’autentica strategia di alta formazione, Vinciguerra ha preparato, insieme ai suoi allievi, un ambizioso e articolato programma di arte pubblica. Sulla base di speciali convenzioni stipulate tra l’Accademia fiorentina e alcuni enti e amministrazioni locali di città toscane, ha elaborato dettagliati progetti di pitture murali tendenti alla riqualificazione di edifici pubblici. Nella fase esecutiva vera e propria, l’artista ha allestito e coordinato efficienti cantieri che hanno garantito il corretto svolgimento di tutte le operazioni previste nel piano. Sono state così realizzate pregevoli opere pittoriche di ampia estensione per l’Istituto Ortopedico Toscano “Piero Palagi” di Firenze (2010) e per Campiglia Marittima (LI); queste ultime, effettuate in lotti successivi nel biennio 2011-2012, appartengono al progetto “Giovani artisti e committenza pubblica” che ha interessato il Palazzo Comunale, la “Scuola Materna Arcobaleno” di Venturina e alcune strade del borgo medievale. Vinciguerra vive e lavora a Firenze.

PUBBLICAZIONI