Quattro mercoledì d'artista con halftime/doubletime

on Lunedì, 02 Maggio 2016 15:08

Dal 4 maggio al 1 giugno alle 15 in aula A 13

Torna dal 4 maggio al 1 giugno l'appuntamento con il ciclo d'incontri halftime/doubletime, che dal 2012 contribuisce ad accrescere il confronto e lo scambio con diverse realtà artistiche. Il progetto di Lia Pantani e Giovanni Surace, entrambi professori dell'Accademia di Belle Arti di Firenze, porterà nell'aula A 13 per quattro mercoledì altrettanti interpreti dell'arte contemporanea. A partire dall'artista romano Alfredo Pirri che il 4 maggio (ore 15), inaugura l'edizione 2016 del ciclo d'incontri. Un artista, Pirri, che si pone al confine tra pittura e scultura, architettura e installazione e che ha esposto in numerosi musei e biennali, nazionali e internazionali, tra cui: il Museo Novecento di Firenze (2015), il London Design Festival (2015), la Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma (2013), alla Maison Européenne de la Photographie di Parigi (2006), alla Biennale dell’Avana (2001), al MoMa PS1 di New York (1999) e tanti altri.

A seguire, l'11 maggio l'artista visivo e mediatore culturale Luca Pozzi, con le sue sculture magnetizzate, gli oggetti in levitazione e i disegni di luce che ricreano una straniante sensazione di “tempo congelato”. Pozzi è laureato in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e specializzato in Grafica 3D e sistemi informatici presso l’Istituto Albe Steiner. Ha esposto presso importanti musei e gallerie in Italia e all’estero e collaborato con Istituti di ricerca scientifica all’avanguardia. Le sue opere sono parte di prestigiose collezioni pubbliche e private tra cui il Mart di Rovereto, il Mambo di Bologna, il MEF di Torino, l’Artist Pension Trust di Londra e L’Archive of Spatial Aesthetics and Praxis di New York.

Il 18 maggio, invece, l'aula A 13 ospita Valentina Valentini, docente di Arti elettroniche e digitali e Arti Performative alla Sapienza di Roma e infine il 1 giugno l'artista tedesca Christiane Löhr, che trasforma semi di cardo selvatico, edera, bardana in piccole sculture e crini di cavallo in “disegni” ornamentali.

Letto 1349 volte Ultima modifica il Venerdì, 03 Giugno 2016 09:41