Pittura - Betti

on Giovedì, 15 Settembre 2016 13:51

Pittura

[eng]

Prof. Betti Mauro

Crediti formativi (ECTS Credits): 10

Livello (Level):Biennio (Master)

Corso di riferimento (Departments):Arti Visive e Nuovi Linguaggi Espressivi (Visual Arts and Avant Garde Expression)

Anno Accademico (Academic Year): A.A. 2016-2017 

Tipologia disciplina (Course Type):Laboratoriale (Laboratory)

 

OBIETTIVI FORMATIVI (COURSE OBJECTIVES):

Il corso si propone di orientare i progetti elaborati nell'ambito della ricerca pittorica e delle multiformi esperienze che ruotano intorno all'idea del "fare pittura oggi",come le ricerche fotografiche, installative, video etc, nel panorama del linguaggio contemporaneo.
Il laboratorio di pittura, infine considera l'individuazione e la messa a punto delle "diversità", come elementi caratterizzanti l'arte di oggi, essenziali per raggiungere gli obiettivi formativi propri del Biennio Specialistico.
 

CONTENUTI E TEMATICHE (SUBJECT MATTER):

Per molto tempo, in passato, la ricerca artistica si è uniformata a percorsi e mezzi piuttosto costanti, ma oggi nell'arte-in verità già dalle avanguardie del '900 – è cambiato radicalmente il processo costitutivo e la nozione stessa di opera immagine.
Questo da quando gli artisti si sono posti a sperimentare nuove sostanze e materie
(plastiche, metalli, acrilici ecc.) all'interno di una prassi ancora legata al dipinto.
Ma aggiungo, anche e soprattutto da quando si sono addentrati nella libera dimensione di infinite ricerche in cui proprio materiali e procedure inusuali svolgono un ruolo da protagonista divenendo forma-segno-messaggio.
Che cosa sia arte e quali pratiche siano legittime o illegittime e, se legittime, buone o cattive, dipende dal tipo di convenzione che si assume come punto di partenza, implicito o esplicito.
Un insegnamento della pittura, all'interno del Biennio di Arti Visive e Nuovi Linguaggi Espressivi, non può che porsi oggi come territorio o, meglio, luogo di ricerca e sperimentazione.
Ma la domanda che mi sono posto è come posso differenziarmi dall'analoga cattedra che opera nell'indirizzo di Pittura del percorso triennale: dobbiamo metterci nella condizione di definire e realizzare compiutamente la diversità.
Basta la diversità come cifra espressiva assolutamente individuale, libera nell'esprimere soggettività - le più diverse – con tecniche e manualità che facciano riferimento al fare artistico del nostro tempo? Non credo.
Il punto che vorrei sottolineare è uno: se ieri l'obiettivo mirava, appunto, romanticamente a sollecitare l'espressività, ad aiutare lo studente a trovare la sua strada, oggi dovremo puntare sulle riflessività, tra l'altro elemento caratterizzante di tutta l'arte contemporanea.
In breve, l'obiettivo a cui dovremo tendere è quello di riuscire a coniugare la creatività con la riflessività intesa questa come razionalizzazione e consapevolezza nei procedimenti operativi.
Il corso di pittura si propone di individuare e sviluppare questo percorso. Il mio progetto prevede un corso che si articola su due piani: quello del linguaggio e quello delle conoscenze tecniche in uso nella pittura. Verranno quindi prese in considerazione le procedure in uso, le preparazioni, le imprimiture sui più vari supporti, gli smalti sintetici, alchidici e quant'altro, le colle, le vernici, i materiali tradizionali come la carta, le tele, le superfici plastiche e fotografiche, i medium da usare.
Una particolare attenzione sara' rivolta alle tecniche espressive che le avanguardie storiche hanno sviluppato come il frottage,il dripping, il collage e l'utilizzazione di supporti fotografici sulle superfici più diverse, la pittura e i materiali industriali come il vetroresina con catalizzatori chimici.
Tutto ciò avendo come riferimento le esperienze che gli artisti europei e americani del secondo'900 ci hanno insegnato e che fanno parte integrante dell'arte contemporanea.
L'esperienza che gli allievi hanno acquisito durante il Triennio precedente è considerata essenziale per potenziare e approfondire nell'assoluta libertà operativa il progetto di ricerca nell'ambito del Biennio Specialistico,finalizzata a mettere in luce e valorizzare i differenti linguaggi che autonomamente si evidenzieranno durante il percorso del laboratorio.
Fondamentale sarà l'interazione con gli altri insegnamenti afferenti al Biennio a suggerire le contaminazioni linguistiche, come parte integrante e necessaria del percorso didattico. Per questo l'appuntamento ormai annuale con START-POINT, sarà occasione di riflessione e per lavorare con impegno e qualità, mettendo in campo il meglio della produzione artistica realizzata dagli allievi nel corso dell'anno accademico.
Si procederà infine nella elaborazione di progetti scaturiti dalle idee che matureranno nell'ambito dei vari laboratori del Biennio in rapporto alle capacità e sensibilità dei singoli allievi, operando una sintesi e un raccordo tra i vari progetti elaborati nel percorso biennale.

RICERCA E SPERIMENTAZIONE SU:

• i nuovi materiali della pittura
• i nuovi colori
• gli acrilici, gli smalti
• automatismo e dripping
• la pittura si fa materia
• combustioni
• costruire/aderire allo spazio
• materiali poveri e industriali
• pitture e vernici industriali
• metalli e elementi seriali
• pittura e fotografia
• intorno alla fotografia
• installazioni e dintorni

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA (CLASS FORMAT):

Applicazioni pratiche (Practical Aplication)
 

MODALITA' DELLA DIDATTICA/ORGANIZZAZIONE DEL CORSO (TEACHING METHODS / COURSE ORGANIZATION):

250ore+74 ore da espletare nel 1° e 2° semestre per una durata effettiva del corso per l'intera annualità.
 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE (FINAL EVALUATION):

Esame finale che prevede la discussione e la verifica dei progetti elaborati nel corso dell'anno accademico.
 

BIBLIOGRAFIA (BIBLIOGRAPHY):

Klaus Honnef
L'ARTE CONTEMPORANEA
Taschen editore, 1990

Philip Ball
COLORE,una biografia
Rizzoli editore, 2002

Elena Tornaghi
IL LINGUAGGIO DELL'ARTE
Loescher editore, s.d.

Angela Vettese
SI FA CON TUTTO
IL LINGUAGGIO DELL'ARTE CONTEMPORANEA
Laterza, Bari 2010

STUDENTI INTERNAZIONALI (INTERNATIONAL STUDENTS):

 

 

Letto 632 volte