Stampa questa pagina

  Laboratorio di Pittura            

Prof. Fezzi Giovanna

Crediti formativi: 8 

Orario delle lezioni:  

Livello: Biennio 

Corso di riferimento: Progettazione e Cura degli Allestimenti Artistici 

Anno Accademico: A.A. 2011-2012 

Tipologia disciplina: Laboratoriale 

 

OBIETTIVI FORMATIVI:

Linee programmatiche.
Dall’incontro tra esperienze e punti di vista diversi, il Laboratorio di “Pittura” del nuovo Biennio Specialistico può e deve diventare il luogo della nascita di nuovi linguaggi.
In questa prospettiva, lavorando su di un “campo” in continua trasformazione, si potranno tracciare nuove piste di riferimento e di operatività, attraverso l’utilizzo di nuove modalità di sviluppo creativo, in un confronto continuo e cosciente con le molteplici  realtà socio - culturali ed artistiche del contemporaneo.
In questa contemporaneità senza schemi, le ricerche del Laboratorio si svilupperanno nel concetto di “Cantiere dell’Arte”, già sperimentato in Toscana da Remo Salvadori, lavorando sia nella concretezza del “fare Arte”, sia  allo sviluppo di nuove identità e capacità.
La sperimentazione dei nuovi percorsi creativi  e di produzione artistica, dovrà coinvolgere una pluralità di insegnamenti diversi e alieni, trovando la propria motivazione nell’individuazione di significati “altri” con operazioni estetiche diverse, in una sperimentazione continua ed eclettica.
In questa ricerca di nuove strategie espressive, lo Specializzando  dovrà verificare le proprie motivazioni, attraverso una riflessione personale sulla contemporaneità e sull’ambiguità della società e della cultura contemporanea occidentale.

CONTENUTI E TEMATICHE:

Possibili temi di sviluppo da concordare con il Docente ed il Coordinatore:
Poetiche dell’Immagine- Simulacri e Realtà (verità e finzione).
Considerata l’attualità dell’immagine ed il persistente fascino dell’icona, si potrà ancora  operare sul piano dell’emotività, dell’immaginario dell’inconscio collettivo, del pensiero intuitivo, superando il razionale producendo così nuove” Immagini” nella pluralità dei loro significati.
Questa riscoperta potrà anche tradursi nell’utilizzo di quelle nuove  estetiche che, tra l’onirico e la citazione, utilizzano le molteplici  sollecitazioni visive del mediatico contemporaneo più trasgressivo ( Blog, Avatar ecc.)
Trends Contemporanei:
Dal Realismo “urlato” delle cronache al “silenzio” delle  situazioni intime e claustrofobiche tipiche del quotidiano, muovendosi tra il Patetico, il Banale, il Trash.
Arte e architettura:
Lo spazio architettonico come supporto Arte e Ambiente – installazioni – environment relazioni e possibili integrazioni fra le arti plastiche, pittoriche e l’architettura.
Media e Tecnologia
Analisi dei rapporti con i nuovi media e con l’immagine di massa, attraverso forme d’Arte che spingono verso la comunicazione.
La tecnologia e la medializzazione  come processo di democratizzazione della cultura visiva viste in un continuo evento mediatico in diretta (Tv, Internet ecc.)
Un’ulteriore fonte di confronto e di motivazione sarà rappresentata dall’apertura a contributi e motivazioni pertinenti alle altre aree del mondo, attraverso i canali della multimedialità.

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA:

Lezioni teoriche, Applicazioni pratiche, Progetti laboratoriali/Stage
 

MODALITA' DELLA DIDATTICA/ORGANIZZAZIONE DEL CORSO:

La didattica è organizzata in lezioni frontali strettamente legate a prove di laboratorio. Il modulo didattico si avvarrà di alcune esercitazioni propedeutiche per un riscontro applicativo delle nozioni teoriche. Nell’ ambito dei laboratori si eseguiranno progettualmente sia il tema principale del modulo didattico sia le varie brevi esercitazioni da svolgere in aula.
 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE:

Modalità d’esame
Gli esami si svolgeranno secondo il calendario del C.A previa prenotazione informatica obbligatoria con scadenza 3 giorni prima dell’appello. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per sostenere l’esame conclusivo il candidato dovrà aver completato propedeuticamente le esercitazioni richieste; elemento minimo  ed indispensabile per poter essere valutati dalla commissione d’esame.
La mancanza di un solo elaborato richiesto è pregiudiziale per il superamento dell’esame.
Presentazione degli elaborati:
Tutti gli elaborati dovranno essere consegnati in una raccolta rilegata nel formato UNI A3. Sul frontespizio dovrà essere riportato: logo Accademia, logo Biennio Progettazione e Cura Allestimenti Artistici, il nome del Corso, il titolo dell’esercitazione, il nome del docente, anno accademico, il nome del candidato.
La proposta progettuale delle esercitazioni  propedeutiche dovranno essere impaginate graficamente ognuna su una tavola rigida formato UNI A4. Per ciascuna tavola sarà predisposto un layout comune nel quale inserire il proprio lavoro.
 
Criteri per la valutazione finale:
frequenza del corso;
revisioni e verifiche obbligatorie;
singole valutazioni delle esercitazioni propedeutiche;
capacità di sintesi nell’esposizione del lavoro svolto;
qualità grafica e compositiva della presentazione;
grado di apprendimento teorico (risultato di un’interrogazione in sede d’esame sui contenuti del corso);
 
Criteri di attribuzione dei crediti:
4CFA (100 ore) – frequenza alle lezioni “frontali” ed attività didattiche di verifica e programmazione. (ricevimento) (Laboratorio frequenza obbligatoria)
1CFA (25 ore) – attività di ricerca ed aggiornamento individuale
3CFA (75 ore) – attività di studio e approfondimento dei contenuti delle lezioni e del programma didattico. (Laboratorio frequenza obbligatoria)
Totale 8CFA 200 ore
La frequenza del Corso  è obbligatoria. 

BIBLIOGRAFIA:

- Fantasia – Bruno Munari