Storia delle Arti applicate

[eng]

Prof.ssa Elisabetta Trincherini

Crediti formativi (ECTS Credits): 6
Livello (Level): Triennio (Bachelor)
Corso di riferimento (Departments): Scenografia
Anno Accademico (Academic Year)A.A. 2017-2018

Tipologia disciplina (Course Type): Teorica

Il corso si svolge nel secondo semestre dell'a.a. 2017/2018

OBIETTIVI FORMATIVI (COURSE OBJECTIVES):
Il corso consente di formare un bagaglio di riferimento e una coscienza critica adeguata della materia. L'obiettivo ultimo è l'arricchimento della conoscenza della teoria e della storia del design con il proposito di fornire agli studenti uno strumento utile per ampliare la creatività e per affrontare la progettazione negli specifici disciplinari in modo più strutturato e consapevole.
 
CONTENUTI E TEMATICHE (SUBJECT MATTER):
Saranno prese in considerazione la storia, le teorie e le esperienze di design dall'Ottocento sino all'età contemporanea, con trattazione delle principali figure, opere, correnti e movimenti. Si procederà a un excursus più rapido dall'Ottocento agli anni Cinquanta, con particolare attenzione a William Morris, le Arts and Crafts, il Bauhaus di Walter A. Gropius, e, negli anni anni cinquanta, fondamentali per il design attuale, alle figure di coloro che hanno segnato la fortuna del Made in Italy. Verranno inoltre prese in considerazione le vicende più significative nel resto d'Europa e negli Stati Uniti. Verrà poi preso in esame più in dettaglio il design Radicale italiano degli anni Sessanta di cui si analizzerà sia il bagaglio profondamente immaginifico e innovatore sia il rapporto con le industrie. Centrale a partire dagli anni Sessanta è la figura di Ettore Sottsass jr., anche in questo caso sia nella produzione di pezzi lontani dalla possibilità di essere standardizzati all'interno di una produzione per l'industria, e quindi più vicini all'essere multipli d'artista (es. le ceramiche, gli esistenziali Mobili grigi per Poltronova); sia nel suo rapporto pur consolidato con l'industria del grande numero (vedi Olivetti). Negli anni più recenti si prenderanno in considerazione soprattutto quegli episodi in cui la separazione e i confini tra design in architettura e nelle arti visive è così labile da sembrare inesistente. Da Ron Arad a Nigel Coates, al nuovo design tedesco, Ingo Mauer e gli Stiletto Studios, gli olandesi del Droog Design, Jurgen Bey, i brasiliani fratelli Campana, tutti con una produzione in cui attività di ricerca e approccio multidisciplinare alla progettazione si coniugano con l'esplorazione di materiali e tecniche che ne rendono possibile anche la realizzazione nell'industria. Di alcuni architetti/designer verranno presentate alcune soluzioni di allestimenti e messa in scena di oggetti per stand fieristici, spettacoli teatrali e cinematografici.
 
TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA (CLASS FORMAT):
Lezioni teoriche (Theoretical Lessons)
 
MODALITA' DELLA DIDATTICA/ORGANIZZAZIONE DEL CORSO (TEACHING METHODS / COURSE ORGANIZATION):
Lezioni frontali con proiezioni di immagini, power point, eventuali video. Le lezioni saranno integrate da visite esterne. Gli studenti avranno la possibilità di confrontarsi con il docente attraverso il contatto diretto in aula, nell'orario di ricevimento, via mail.
 
MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE (FINAL EVALUATION):
L'esame si svolgerà in maniera orale a fine corso attraverso un colloquio nel quale verrà richiesto allo studente di aver appreso le nozioni fondamentali trasmesse in aula, e tramite la discussione di un elaborato monografico da concordare con il docente anche in relazione al percorso più generale del candidato all'interno del suo proprio percorso di studi.
 
BIBLIOGRAFIA (BIBLIOGRAPHY):
Renato De Fusco, Storia del design, (1985) Laterza Roma-Bari, 16a ed. 2013
M. Vitta, Il progetto della bellezza (2001), Einaudi Editore, Torino 2011
M. Vercelloni, Breve storia del design italiano (2008), Carocci, Roma 2014
Possibili estratti da:
F. Irace, Storie di interni l'architettura dello spazio domestico moderno, Carocci, Roma, 2016
E. Trincherini, D. Turrini, Creativa produzione. La Toscana e il design 1950-1990, Fondazione Centro Studi sull'Arte Ragghianti, Lucca, 2015
B. Di Marino, Film oggetto design. La messa in scena delle cose, Postmedia books, Milano, 2011
A. Mecacci, Estetica e design, Il Mulino, Bologna, 2012
F. Irace, F. Molteni, D. Pizzigoni, Dove vivono gli architetti, Where Architects live, Corraini, Mantova, 2014
 
STUDENTI INTERNAZIONALI (INTERNATIONAL STUDENTS):
The Class introduces both the theories and the design experiences from the Nineteenth century up to contemporary age as: Arts and Craft, Bauhaus, Made in Italy, Radical design and the more recent experiences which overlap design and art multiples. Referring to the more important architects/designers will be presented special outfittings and objects staging for exibition purposes, theater and movies.