Decorazione. Arte e ambiente, arte e produzione

Prof. Roberto Rizzo
Crediti formativi (ECTS Credits): 12
Livello (Level): Triennio (Bachelor)
Corso di riferimento (Departments): Decorazione (Decorative Arts)
Anno Accademico (Academic Year)A.A. 2018-2019
corso annuale
Tipologia disciplina (Course Type): Laboratoriale (Laboratory)

 

OBIETTIVI FORMATIVI (COURSE OBJECTIVES):

L'obiettivo principale di questo corso è l'acquisizione, da parte degli allievi, di un personale metodo di ricerca e di organizzazione necessario alla realizzazione dei due diversi percorsi progettuali fondamentali che definiscono il linguaggio decorativo.
Il primo percorso prevede la progettazione e realizzazione di un'opera artistico/installativa site-specific di tipo permanente o effimero, in dialogo con il contesto di allestimento; il secondo percorso invece prevede la progettazione di un elemento di decorazione architettonica o di un prodotto d'uso comune o di lusso (II/III anno).
Il corso è quindi formato da due segmenti didattici, autonomi ma interdipendenti, per favorire una diretta e naturale relazione tra la qualità della formazione artistica "pura" e il mondo delle molteplici realtà professionali e produttive.
L'incontro tra arte "alta" e arte applicata rappresenta il centro della didattica della Scuola di Decorazione.
La ricerca decorativa contemporanea racchiude in sé le potenzialità espressive e i molteplici linguaggi artistici che definiscono i diversi e specifici indirizzi accademici.
Disegno, pittura, modellazione, tecnologia digitale, fotografia o video, nessun linguaggio è precluso agli studenti del corso, i quali possono costruire il proprio percorso formativo seguendo o scoprendo le proprie inclinazioni.
Gli obiettivi del corso si possono quindi riassumere così:
- elaborazione della necessaria conoscenza degli strumenti critici, analitici e teorici indispensabili per potere interpretare ed elaborare il progetto decorativo, nella consapevolezza della sua trasversalità interdisciplinare;
- acquisizione degli strumenti tecnici e culturali per potere sviluppare un metodo di progetto e di lavoro di ambito decorativo/installativo o di ambito applicativo/produttivo.
 

CONTENUTI E TEMATICHE (SUBJECT MATTER):

I contenuti disciplinari del corso riguardano gli aspetti tecnici, operativi e teorici dell'elaborazione del progetto decorativo, attraverso la sua relazione con il luogo o l'oggetto di progettazione.
Nel secolo scorso il termine "decorativo" è stato spesso interpretato in senso negativo, come sinonimo di superficiale, banale, piacevole ma privo di significato. Eppure, alla luce dell'evoluzione dei linguaggi visivi contemporanei il linguaggio decorativo trova nuova vita sia nella sua dimensione applicativa, attraverso il suo rapporto con l'architettura e il design, sia nella sua dimensione artistica attraverso l'opera ambientale pubblica e l'installazione.
Il progetto decorativo ambientale può essere permanente o effimero, circoscritto a uno spazio limitato o definito attraverso un più ampio progetto unitario contenente molteplici linguaggi artistici.
La decorazione, se intesa come ricerca artistica autonoma, può raccogliere l'eredità degli antichi "apparati effimeri" di ambito rinascimentale e barocco e del loro rapporto estetico e sociale con la città e i suoi abitanti. Se intesa invece come ricerca artistica applicata, si ritrova nelle collaborazioni storiche e contemporanee tra gli artisti o designer più importanti e il mondo della produzione di qualità. Pensiamo ad esempio alla collaborazione tra Giuseppe Capogrossi, Getulio Alviani e la stilista Germana Marucelli, oppure alle scarpe disegnate da Zaha Hadid per il marchio Melissa, o ai gioielli progettati da Lucio Fontana, Arnaldo Pomodoro e Enrico Castellani, ai pannelli laminati disegnati da Ettore Sottsass e Alessandro Mendini, ai vasi progettati da Carlo Scarpa, Gio Ponti e Tadao Ando, alle tazzine di Illy progettate da Matteo Thun e decorate da artisti come M. Pistoletto, M. Abramovic, S. Chia, J. Schnabel, R. Rauschenberg, J. Koons, J. Kosuth, J. Rosenquist.
La conoscenza e lo studio della memoria artistica e delle sue molteplici applicazioni costituisce la base indispensabile per ogni elaborazione progettuale di ambito decorativo.
Affinché gli studenti delle Accademie di Belle Arti siano all'altezza delle aspettative del mondo artistico e professionale odierno è perciò indispensabile sia che essi siano consapevoli delle innovazioni tecnologiche e delle relazioni culturali che regolano e influenzano il contesto contemporaneo, sia che conoscano il patrimonio artistico, storico, tecnico e produttivo del territorio nel quale vivono.

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA (CLASS FORMAT):

Il percorso didattico si svolgerà, supportando la pratica di laboratorio, con lezioni e discussioni critiche e analitiche, su argomenti ed esposizioni sia di carattere storico o contemporaneo, sia relativo al lavoro degli stessi allievi nell'ambito del corso.
La ricerca attraverso la visione di immagini e la lettura di testi è la premessa per ogni progetto serio e consapevole. Nessuna tecnica o linguaggio, sia esso tradizionale o contemporaneo, è precluso agli allievi, i quali però devono motivarne la scelta in relazione agli obiettivi da essi stessi perseguiti.
Le fasi della ricerca si articoleranno in senso sia individuale sia collettivo, al fine di valorizzare il confronto tra le differenti idee progettuali che la compongono.
Nella didattica del primo anno è prevista, in senso propedeutico, una variazione nell'interpretazione del programma del corso rispetto al secondo e al terzo anno.
Per approfondire il percorso didattico sono previste visite a mostre e incontri con figure professionali della cultura, dell'arte e del design.
L'intero progetto decorativo è il risultato di un confronto continuo e regolare tra docente e allievi per tutta la durata del corso. La verifica da parte del docente del materiale di lavoro prodotto dagli allievi, che sarà poi presentato durante la prova d'esame, è parte fondamentale di questo confronto.

MODALITA' DELLA DIDATTICA/ORGANIZZAZIONE DEL CORSO (TEACHING METHODS / COURSE ORGANIZATION):

Il percorso di ricerca didattica si sviluppa attraverso i seguenti passaggi.
I segmento:
- ricerca tecnica, iconografica e testuale, di carattere sia storico sia contemporaneo, dedicata all'argomento tecnico/artistico di interesse;
- individuazione di uno spazio o luogo di progettazione e allestimento di un'opera decorativo/installativa;
- studio tecnico, storico e artistico dello spazio o luogo di progettazione e allestimento di un'opera decorativo/installativa;
- ideazione e progettazione dell'opera in relazione al contesto di applicazione e allestimento scelto (elaborati progettuali, bozzetti grafici, modelli in scala, documentazione fotografica ecc.);
- ricerca sui materiali e sulle tecniche scelte per la realizzazione dell'opera;
- realizzazione dell'opera decorativo/installativa progettata.
II segmento:
I anno
- ideazione di un'installazione artistica per una base spaziale sulla Luna, ispirata alla poetica di Lucio Fontana e alla recente scoperta di un'enorme grotta lunare;
- progettazione dell'opera in relazione al contesto di applicazione e allestimento scelto (elaborati progettuali, bozzetti grafici, modellini di progettazione);
- ricerca sui materiali e sulle tecniche scelte per la realizzazione dell'opera;
- realizzazione di un modello in scala o di un particolare dell'installazione.
II/III anno
- ricerca tecnica, iconografica e testuale, di carattere sia storico sia contemporaneo, dedicata all'argomento tecnico/artistico di interesse;
- ideazione di un progetto decorativo per un ambito applicativo/produttivo;
- studio tecnico e artistico relativo al contesto applicativo/produttivo del progetto decorativo;
- ricerca sui materiali e sulle tecniche scelte per la realizzazione del prodotto ideato;
- ideazione e progettazione dell'elemento decorativo in relazione al contesto di applicazione scelto (elaborati progettuali, bozzetti grafici, modelli in scala, documentazione fotografica ecc.);
- realizzazione di un prototipo dell'elemento decorativo progettato.
 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE (FINAL EVALUATION):

Presentazione del lavoro finale e del lavoro preparatorio (elaborati progettuali, bozzetti grafici, modelli in scala, prototipi, documentazione fotografica ecc.).
 

BIBLIOGRAFIA (BIBLIOGRAPHY):

- Giuliana Bruno – Superfici. A proposito di estetica, materialità e media – Johan & Levi 2016;
- Angela Vettese – Si fa con tutto. Il linguaggio dell'arte contemporanea – Laterza 2010;
- Marina Pugliese - Tecnica mista. Materiali e procedimenti nell'arte del XX secolo - Bruno Mondadori 2006;
- Hal Foster, Rosalind Krauss, Yve-Alain Bois, Benjamin H.D. Buchloh - Arte dal 1900. Modernismo. Antimodernismo. Postmodernismo – Zanichelli 2006;
- Germano Celant – Arti & Architettura 1900-2000, catalogo della mostra a Palazzo Ducale, Genova, 2 ottobre 2004 – 13 febbraio 2005 – Skira 2004;
- Bruno Munari - Da cosa nasce cosa – Laterza 1981.
Ulteriori testi saranno scelti in relazione agli argomenti affrontati e ai percorsi personali intrapresi dagli studenti.