Iconografia e disegno Anatomico 

Prof.ssa Giuliana Storino

Crediti formativi (ECTS Credits): 9
Livello (Level): Triennio (Bachelor)
Corso di riferimento (Departments)Decorazione, Grafica, Pittura, Scultura
Anno Accademico (Academic Year)A.A. 2018-2019 - II semestre

Tipologia disciplina (Course Type): Teorico-pratica

OBIETTIVI FORMATIVI (COURSE OBJECTIVES):

Il Corso è finalizzato all' acquisizione dei concetti basilari dell'iconografia, quale descrizione e classificazione delle immagini, coniugando la teoria alla pratica del disegno anatomico: dagli schemi di rappresentazione della figura umana nell'arte antica all'iconografia del XX secolo, con uno sguardo al nostro tempo, dove l'immagine-icona diventa simbolo e interfaccia all' interno di un 'programma' sempre più articolato.

Obiettivi:
-L'acquisizione del metodo di lettura dell'opera d'arte, dei suoi valori compositivi e strutturali, per poter identificare i significati concettuali, simbolici o allegorici dell'immagine;
-L'evoluzione che il Disegno anatomico ha avuto nel tempo e il suo significato nella rappresentazione del corpo;
-Applicazione pratica: il disegno come progetto e come fine.

CONTENUTI E TEMATICHE (SUBJECT MATTER):

Contenuti:
Nel vasto panorama dell'arte contemporanea si individua una pratica inflazionata, che vede l'accostamento di icone sotto forma di immagini fotografiche, pitture e oggetti; sebbene queste risultino ammiccanti dal punto di vista estetico, risultano spesso prive di nesso causale e concettuale.
Utile a ridefinire il rapporto tra conservazione ed invenzione, tra tradizione e originalità del singolo prodotto artistico, l'Iconografia funge da supporto storico-artistico, osservando non solo il contenuto dell'opera ma anche le modalità con cui questo viene rappresentato.

Tematiche:
_Prima dell'iconografia: origini e significato di «eikon» e «gráfein» e i rapporti con l'immagine;
_Il soggetto e i generi, il contenuto e il contesto storico;
_Analisi formale e strutturale dell'opera, attributi iconografici.
_Dall' archeologia romana e paleocristiana del XVI e XVII secolo, all' ampio sviluppo della disciplina nell' Ottocento.
_L'invenzione, la copia e l'interpretazione.
Facendo riferimento alle fonti letterarie, di autori e opere che maggiormente hanno caratterizzato la disciplina nelle arti figurative, l'importanza degli influssi culturali, delle epoche e dei rapporti tra artisti diversi. La ricognizione delle tematiche condurrà agli snodi teorici e identitari che fanno dell'iconografia una delle discipline più attraversate nell'odierno panorama mediale.

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA:
 
Lezioni teoriche
Applicazioni pratiche
Progetti laboratoriali/Stage
 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE (FINAL EVALUATION):

L'esame finale consiste nella presentazione di tutto il lavoro svolto durante il corso, e nella verifica orale degli argomenti trattati. Tutti i progetti devono essere concordati entro la fine del Corso. È ritenuta fondamentale la frequenza e la presenza alle revisioni. É obbligatoria la lettura di uno dei testi segnalati nella bibliografia. Lo studente ha la facoltà di presentare una tesina e/o un elaborato in relazione ad un argomento approfondito. Ulteriori riferimenti bibliografici saranno forniti durante le lezioni. Il lavoro deve essere approvato entro la fine delle lezioni. Per la valutazione finale inoltre, si prenderà in considerazione anche l'atteggiamento attivo e di partecipazione, dimostrato dallo studente durante le lezioni.

BIBLIOGRAFIA:

(a scelta)
ABY WARBURG, Mnemosyne. L'atlante delle immagini, Editore Aragno 2002.
GEORGES DIDI-HUBERMAN, L'immagine insepolta. Aby Warburg, la memoria dei fantasmi e la storia dell'arte,2006 Bollati Boringhieri.
GEORGES DIDI-HUBERMAN, Storia dell'arte e anacronismo delle immagini. Ediz. Illustrata, 2007 Bollati Boringhieri.
ROELOF VAN STRATEN, Introduzione all'iconografia. Di fronte e attraverso. Storia dell'arte,
Jaca Book 2009.
HANS BELTING, La vera immagine di Cristo, Bollati Boringhieri, Collana Nuova cultura, 2007.
HANS BELTING, Specchio del mondo. L'invenzione del quadro nell'arte fiamminga, Carocci Editore, Collana Le sfere 2016.
HORST BREDEKAMP, Immagini che ci guardano. Teoria dell'atto iconico, Cortina, 2015.
CARMELO BENE, Sono apparso alla Madonna, Bompiani Editore, 2005.
G. BORDIN, MARCO BUSSAGLI, LAURA POLO D'AMBROSIO, Viaggio intorno al corpo, Editore: Mondadori Electa, Collana: Dizionari dell'Arte, 2015.
ANDRÉ CHASTEL, Il gesto nell'arte. Ediz. Illustrata, Editore: Laterza, Collana: Economica Laterza, Edizione: 3 Anno edizione: 2008.
CHIARA FRUGONI, La voce delle immagini. Pillole iconografiche dal Medioevo, Einaudi editore Collana: Saggi 2010.
CLAUDIO MARRA, Fotografia e pittura nel Novecento (e oltre), Bruno Mondadori, Collana: Sintesi 2012.
CLAUDIO MARRA, L'immagine infedele: la falsa rivoluzione della fotografia digitale, Bruno Mondadori 2006.
KURT WALTER FORSTER, KATIA MAZZUCCO, Introduzione ad Aby Warburg e all'Atlante della Memoria, Mondadori 2002.
MICHAEL ANN HOLLY, Iconografia e iconologia: saggio sulla storia intellettuale, Jaka Book Editori.
PAVEL ALEKSANDROVIČ FLORENSKIJ, Le porte regali. Saggio sull'icona,Marsilio editore, Collana Biblioteca, 2018.
PAVEL A. FLORENSKIJ, Iconostasi. Saggio sull'icona, Medusa Edizioni, Collana Hermes 2008.

Manuali per il Disegno anatomico
Lolli, Zocchetta, Peretti, Struttura Uomo, Neri Pozza editore, Vicenza, 1998.
Morelli Angelo e Morelli Giovanni, Anatomia per artisti, F.lli Lega Editori, Faenza, 1985.

STUDENTI INTERNAZIONALI (INTERNATIONAL STUDENTS): 

The course is aimed at acquiring the basic concepts of iconography, such as description and classification of images, combining theory with the practice of anatomical drawing: from the representation schemes of the human figure in ancient art to the iconography of the twentieth century, with one look at our time, where the icon-image becomes a symbol and interface within an increasingly complex 'program'.

Targets:
- The acquisition of the reading method of the work of art, of its compositional and structural values, in order to identify the conceptual, symbolic or allegorical meanings of the image;
- The evolution that the anatomical Drawing has had over time and its meaning in the representation of the body;
- Practical application: design as a project and as an end.