Storia dell'Arte Contemporanea

Prof.ssa Gaia Bindi 

Crediti formativi (ECTS Credits): 6
Livello (Level):Triennio (Bachelor)
Corso di riferimento (Departments): Decorazione / Grafica / Pittura / Scenografia / Scultura
Anno Accademico (Academic Year): A.A. 2018-2019 - I semestre 

Tipologia disciplina (Course Type): Teorica (Theoretical) 

OBIETTIVI FORMATIVI (COURSE OBJECTIVES):
Il corso si pone come fine quello di raggiungere gli obiettivi formativi di base previsti per il Triennio nella conoscenza della Storia dell'arte contemporanea, attraverso un'introduzione a tematiche e problematiche emergenti, e affrontando un itinerario storico nei linguaggi artistici incrociati della contemporaneità.

 

CONTENUTI E TEMATICHE (SUBJECT MATTER):
Fin dagli albori del Novecento la creatività ha visto l'affermarsi di un uso sempre più centrale del corpo dell'artista, utilizzato come mezzo espressivo, soggetto e oggetto dell'opera d'arte. Abbattendo le barriere tra arte e vita, tra esperienze visive e sensoriali, la rappresentazione fisica dell'artista – che amplia e rinnova l'antica tradizione dell'autoritratto – riesce a trasmettere l'angoscia e lo smarrimento propri del XX secolo, tentando la strada del diretto coinvolgimento nella riflessione su problematiche private e sociali. Il corso ripercorre storicamente e tematicamente movimenti e protagonisti che hanno messo la fisicità al centro della creatività partendo dai Ballets Russes e dall'interpretazione che ne hanno dato le Avanguardie storiche come Futurismo, Dada, Surrealismo e artisti come Marcel Duchamp, Frida Kahlo, Jackson Pollock, Francis Bacon, Allan Kaprow, Joseph Beuys. Sarà analizzato il rinnovamento delle arti visive nell'incontro con la musica e le arti sceniche, con l'apporto transmediale di fucine ideative come il Bauhaus, il Black Mountain College, le esposizioni Gutai e i festival Fluxus. Prendendo spunto dalla personale di Marina Abramovic The Cleaner, attualmente allestita a Palazzo Strozzi, sarà infine condotta un'analisi sui maggiori interpreti della performance degli anni Sessanta e Settanta, fino ad arrivare al presente e ai metodi espressivi della relazionalità.
Il corso sarà introdotto da alcune lezioni di carattere critico-metodologico di avviamento all'arte contemporanea.
In aggiunta alla prassi della lezione frontale sono previsti momenti di discussione seminariale con proiezione di filmati, come approfondimenti volti a stimolare gli interessi degli studenti. Saranno effettuate visite a mostre e musei, con studio critico di recenti saggi, pubblicazioni, eventi. Le lezioni si avvarranno dell'apporto di materiale bibliografico, fotografico, audiovisivo che sarà messo a disposizione degli studenti.

TIPOLOGIA DELLA DIDATTICA (CLASS FORMAT):
Lezioni teoriche (Theoretical Lessons)

 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO FINALE (FINAL EVALUATION):

L'esame finale consiste in un colloquio orale volto a verificare la conoscenza degli argomenti trattati a lezione e della bibliografia indicata.

BIBLIOGRAFIA (BIBLIOGRAPHY):
Per sostenere l'esame lo studente è tenuto a frequentare le lezioni a a studiare i seguenti due testi obbligatori:
 D. Riout, L'arte del ventesimo secolo. Protagonisti, temi, correnti, Einaudi, Torino 2002;
 A. Vettese, Si fa con tutto. Il linguaggio dell'arte contemporanea, Laterza, Bari 2011.

Più due titoli obbligatori a scelta tra i seguenti:
 L. Vergine, Body Art e storie simili. Il corpo come linguaggio, Skira, Milano 2002;
 A. Vettese, Dal corpo chiuso al corpo diffuso, in Arte contemporanea. Le ricerche internazionali dalla fine degli anni '50 a oggi, a cura di Francesco Poli, Mondadori Electa, Milano 2003, pp.188-221;
 Il corpo dell'artista, a cura di T. Warr, Phaidon, London 2006;
 L. Conte, Materia, corpo, azione. Ricerche artistiche processuali tra Europa e Stati Uniti 1966-1970, Mondadori Electa, Milano 2010;
 R. Goldberg, Performance Art: from Futurism to the Present, Thames & Hudson, London 2011 (in inglese);
 S. O'Reilly, Il corpo nell'arte contemporanea, Einaudi, Torino 2011;
 S. Home, Assalto alla cultura. Le avanguardie artistico-politiche: lettrismo, situazionismo, Fluxus, mail art, Shake edizioni, Milano 2012;
 C. Baldacci – A. Vettese, Arte del corpo. Dall'autoritratto alla Body Art, "Artedossier", 22 gennaio 2014, Giunti, Firenze 2014.
 Performance art. Traiettorie ed esperienze internazionali, a cura di C. Mu e P. Martore, Castelvecchi, Roma 2018
 Marina Abramovic. The Cleaner, catalogo della mostra a cura di A. Galansino, Firenze, Palazzo Strozzi, 21 settembre 2018 - 20 gennaio 2019, Venezia, Marsilio, 2018.