--------------------

banner Visual Culture 2

Obiettivi formativi

Il corso si avvale di due indirizzi: Curatela artistica e Didattica dell'Arte.
 
L’indirizzo di Diploma di II livello in Visual Culture - Curatela Artistica ha un piano di studi finalizzato a trasmettere una metodologia culturale di approccio alla Curatela di presentazione di artisti e delle opere d’arte. In questa ottica si spiega la forte presenza di discipline di taglio storico critico e trasversali della Visual Culture. Ai fini di offrire competenze specialistiche rispetto ad analoghi indirizzi, lo studente avrà anche conoscenze sul piano delle tecniche artistiche - e ora delle tecniche digitali - in quanto formazione peculiare e identitaria alle storiche Accademie di Belle Arti nazionali. Lo studente sarà soggetto di eccellenza in grado di rispondere alle richieste molteplici legate al settore della conoscenza dell’arte, della lettura dell’espressione artistica, della sua proposta critica nei percorsi della comunicazione anche mediale, intesa come impulso all’inclusione civile e sociale. Aspetti particolari del Corso di Diploma in Visual Culture e Curatela artistica sono anche le competenze trasmesse intorno ai temi della conservazione del patrimonio culturale in situazioni di crisi ambientale ed ecologiche, e altrettanto intorno alla valutazione delle implicazione educative e pedagogiche della proposta curatoriale. Il Corso in Visual Culture e Curatela Artistica promuove, pertanto, la formazione di un profilo specialistico ai fini di saper valutare storicamente, tecnicamente e criticamente l’opera d’arte, inserendola in modo appropriato nel contesto della più ampia analisi della cultura nei suoi aspetti filosofici, sociali, antropologici e mediale.

L’indirizzo di Diploma di II livello in Visual Culture - Didattica dell’arte ha un piano di studi finalizzato alla formazione educativa della didattica artistica, nei campi teorici e laboratoriali della didattica per l’infanzia, e altrettanto nella valutazione delle implicazioni educative e pedagogiche insite alle arti figurative. Il Corso specialistico è indirizzato alla progettazione di una appropriata lettura dell’opera d’arte inserita nei contesti museali storici e contemporanei, così da avvicinare le persone con proposte differenziate alla sensibilità per il mondo dell’arte. L’Accademia di Belle Arti, come luogo di formazione storica, ha sempre tenuto unite teorica dell’arte e pratica artistica, riflessa anche in questo Biennio specialistico, e rende lo studente un interlocutore privilegiato con i sistemi museali nazionale e internazionali e con quelle realtà interculturali in cui la didattica dell’arte consente una migliore e aperta inclusione civile e sociale. L’acquisizione di saperi e pratiche relativi alla creazione di una opera d’arte, unitamente ai saperi di nuova generazione legati ai media digitali, elettronici, e al web, consentono una formazione in cui lo studente sarà in grado di trasmettere, con competenza critica e storico-artistica e sensibilità estetica d’eccellenza, la comprensione per l’artista e per le opere come valori portanti della comunità civile.
 
Entrambi i percorsi didattici sono rivolti a favorire un apprendimento partecipato e critico da parte dello studente. L’autonomia di giudizio in merito ai fenomeni artistici e culturali è promossa, spingendo il frequentante del Biennio a motivare sul piano storico-artistico, critico e teorico le proprie valutazione e le prospettive interpretative.
Lo studente avrà la possibilità di applicare operativamente e in via teorica le conoscenze apprese nel corso mediante le attività di incontri con artisti e professionisti del settore e tramite stage, tirocini curricolari, workshop con istituzioni museali, gallerie nazionali ed internazionali.
 

Prospettive occupazionali

Lo studente che consegue l’indirizzo biennale in Visual Culture e Curatela Artistica ha, come orizzonte di impiego, il settore dell’impianto critico-artistico nella ricerca e presentazione di artisti e opere, e dunque nella ideazione e programmazione di mostre, di percorsi di lettura e interpretazione in gallerie, musei e spazi diversi, sia a livello di libera professione, sia come figura organica all’interno di istituzioni, gallerie e musei di genere privato, regionale e comunale. Inoltre, collaborazioni con case d’asta, attività nelle case editrici. Nel veicolare e presentare proposte di lettura di artisti e di conoscenza delle arti al pubblico, ulteriori orizzonti di impiego sono presso sedi di comunicazione televisiva e radiofonica, giornali, e riviste specialistiche. Le competenze acquisite nel campo delle tecniche artistiche ne qualificano la formazione rispetto agli studi di taglio esclusivamente teorico.

Lo studente che consegue l’indirizzo biennale in Didattica dell’Arte ha, come orizzonte di impiego, sia la libera professione costituendo associazioni volte alla proposta di didattica artistica verso istituzioni pubbliche e private, scuole, associazioni, aziende; sia di diventare figura organica dedicata alla didattica artistica all’interno di istituzioni di musei comunali, regionali, privati, gallerie, associazioni culturali e realtà aziendali, associazioni di interazione sociale e di scambio interculturale. 

Convenzioni di tirocinio e workshop: Dipartimento Educativo della Fondazione di Palazzo Strozzi, Dipartimento per l'Educazione delle Gallerie degli Uffizi, Area Scuola e Giovani e Area Mediazione culturale e Accessibilità; Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti - Gallerie degli Uffizi, Società Solferino e San Martino (Brescia).

Esperienze di didattica artistica e laboratoriale: Dipartimento per l’educazione Gallerie degli Uffizi, Associazione Mus.E per la valorizzazione dei Musei Civici del Comune di Firenze; FAI, Fondo Ambiente Italiano, delegazione di Firenze; MAD Murate Art District – Comune di Firenze.

Che cosa si studia

Il biennio in Visual Culture, curatela e didattica dell'arte si compone di due indirizzi (Didattica dell'arte e Curatela Artistica). Per conoscere nel dettaglio le discipline oggetto di studio scarica per ciascun indirizzo il piano di studio: Didattica dell'arte / Curatela Artistica.
 
 
Coordinatore: prof.ssa Cristina Frulli
Tutor: prof.ssa Federica Chezzi